diverdeinverde

Di Verde in Verde 2018 a Bologna. C’eravamo anche noi!

Il giardino delle scuole Cavallino a Dondolo e Al cinema! e l’Orto di via Felice Battaglia visitati da centinaia di curiosi e appassionati.

Non possiamo che esprimere grande soddisfazione per l’interesse mostrato dalle tante persone che in questi giorni ci hanno fatto visita. 

Un migliaio di visitatori sono entrati nel nostro giardino in via Nosadella curiose di osservare e di fare domande soprattutto sulla storia della Fondazione e su come i bambini di nido e scuola abitano questo spazio ogni giorno. Un giardino pensato per i bambini, in cui tunnel di salici e capanne di cespugli creano luoghi magici in cui poter giocare. Un luogo dedicato alle scoperte che la natura quotidianamente ci offre e che ci invita ad essere attenti ai cambiamenti e alle trasformazioni; un luogo in cui poter giocare con sassi, bastoni, in cui scavare, giocare con il fango, modellare la terra, arrampicarsi su grandi tronchi. Il giardino di nido e scuola è un luogo davvero particolare, sia perchè nascosto e quindi, anche se immerso nella città, lontano dai rumori della strada, sia perchè quotidianamente sostiene il gioco dei bambini, offrendo loro grandi opportunità di crescita.

 Molti visitatori poi si sono addentrati anche nell’orto di via Felice Battaglia, che ha partecipato per la prima volta alla mainfestazione Di Verde in Verde. Gestito dalla Fondazione Gualandi  con i ragazzi sordi, all’interno del progetto educativo Pane e Pomodoro,  in collaborazione con la Cooperativa Agriverde e che cura la parte tecnica del progetto di orticoltura. Dopo due anni di vita del progetto, ci è sembrato utile comunicare, attraverso questa prima apertura, il racconto di un percorso che ha sorpreso noi stessi sia per l’interesse e l’impegno che i ragazzi hanno mostrato sia per il potenziale educativo che lo stesso progetto ha evidenziato.

Attraverso l’orto la Fondazione ha contribuito a riqualificare uno spazio incolto a ridosso di un centro abitato, migliorandone anche l’aspetto estetico, ha insegnato nozioni pratiche di pianificazione, organizzazione e gestione di uno spazio, ha allenato competenze pratiche di coltivazione e cura all’interno di un percorso complesso che parte dal seme ed arriva all’utilizzo del raccolto nei laboratori di cucina, ha avviato percorsi di inserimento lavorativo. Con Di Verde In Verde, l’orto comincia ad essere anche un luogo di incontro per appassionati, educatori, scuole e famiglie. Ci sembra che questo non possa che essere considerato solo uno di tanti appuntamenti a venire.

diverdeinverde6
diverdeinverde
diverdeinverde7
di verde in verde
di verde in verde
diverdeinverde5
diverdeinverde-2